Slavi e Germani – Parte III – La Guerra

Alexander Nevsky é l’eroe russo che nel 1242 sconfisse i Cavalieri Teutonici nell’epica “Battaglia del lago ghiacciato”.

Settecento anni dopo l’Armata Rossa risponderà all’ attacco delle armate germaniche del Terzo Reich nella “Battaglia di Stalingrado”.

La locandina del film “Alexander Nevsky” di Ejzenštejn che mostra l’analogia tra l’antico e il nuovo conflitto:

Alexander Nevsky

Un estratto dal film, con la colonna sonora di Prokofiev:

Annunci
Contrassegnato da tag ,

Slavi e Germani – Parte II – La potenza

Musorgskij e Wagner a confronto.

“Una notte sul monte calvo” e “La cavalcata delle Valchirie”  sono due brani conosciutissimi che esemplificano molto bene la volontà di potenza di Russi e Tedeschi.

Musorgskij:  “Una notte sul monte calvo”. 1864

Wagner:  “La cavalcata delle Valchirie” – La Valchiria.  1870

Contrassegnato da tag ,

Versione Alternativa dello “Studio Patetico” di Scriabin

Ho trovato in rete una registrazione della versione alternativa dello studio di Scriabin op. 8 n. 12 per pianoforte e il relativo spartito in PDF.

Contrassegnato da tag

Ritratto di una sconosciuta

L’espressione più enigmatica che conosca appartiene a questa donna.

Ivan Nikolaevich Kramskoi. Ritratto di donna sconosciuta. 1883. Olio su tela. Galleria Tretyakov, Mosca, Russia

Ivan Nikolaevich Kramskoi. Ritratto di donna sconosciuta. 1883. Olio su tela. Galleria Tretyakov, Mosca, Russia.

Contrassegnato da tag

Khrennikov – Allegro con fuoco

Tikhon Nikolaevich Khrennikov è un musicista russo scomparso da poco (14 agosto 2007).

Ho scoperto recentemente la sua seconda sinfonia in Do minore e ne sono rimasto colpito.

Ascoltate il primo movimento e la sua conclusione in particolare: come da indicazione un vero … Allegro con fuoco!

Contrassegnato da tag

Musica nazionale

Tra gli inni nazionali più fieri e superbi vorrei citare quelli di Russia e Bulgaria.

Essi rappresentano bene la cultura dei due popoli, come rivela immediatamente l’ascolto: la grandiosità della Russia, e la mestizia balcanica della Bulgaria.

Il primo, notissimo perchè adottato ai tempi dell’Unione Sovietica, è da molti ritenuto l’inno nazionale più bello. Dopo l’accordo introduttivo, troviamo una riuscita progressione armonica do maggiore – mi minore – fa maggiore – do maggiore, che dà l’impronta al brano.

Il secondo, meno noto, ha un carattere malinconico. La scelta della tonalità di la minore appare infatti non comune per il genere. Alcuni passaggi armonici richiamano un’atmosfera di esotismo orientale.

Contrassegnato da tag ,

Slavi e Germani – Parte I

Introduciamo un tema che tratteremo a più riprese iniziando con un confronto musicale tra il russo Tchaikovsky e il tedesco Brahms

Dal Romeo e Giulietta (1880) di Pyotr Ilich Tchaikovsky:

Sinfonia n. 3 Poco Allegretto (1883) di Johannes Brahms:

Ad un primo superficiale ascolto notiamo come il russo sia più espansivo e meno controllato. I temi sono entrambi appassionati, ma Brahms ingabbia il sentimento in una forma molto ordinata, in uno schema che guida l’ascoltatore. Tchaikovsky invece non si preoccupa di costruire la bellezza, ma la propone nel suo spontaneo splendore senza curarsi dell’ordine.

Negli articoli successivi approfondiremo l’estetica di slavi e germani mettendo a confronto altre opere.

Contrassegnato da tag ,